In Scena! 2011


Rassegna di musica contemporanea. Undicesima edizione, 5 spettacoli

Torino

13 ottobre – 2 dicembre 2011

Concerto 1 | giovedì 13 ottobre: Rock
Concerto 2
| giovedì 13 ottobre: Pop
Concerto 3
| giovedì 10 novembre: Jazz
Concerto 4
| giovedì 24 novembre: Etno
Concerto 5
| venerdì 2 dicembre: Sacro

Il tema centrale dell’undicesima edizione della rassegna di musica contemporanea, ideata e organizzata dall’Associazione Fiarì Ensemble, dal titolo In Scena!, è la contaminazione dei generi musicali, vale a dire una riflessione sulla validità o meno delle suddivisioni di quest’arte in diversi generi, su come certi termini e certe caratteristiche siano mutati nel tempo e su come non sempre una classificazione sia chiarificatrice delle caratteristiche di ciò che classifica.

I compositori sono stati spesso a contatto con molteplici realtà, esposti a stimoli culturali di diverse provenienze geografiche, storiche e disciplinari. Non ci riferiamo esclusivamente al tempo presente. Basti pensare a come, nel tardo Medioevo, l’introduzione di melodie popolari come cantus firmus all’interno di composizioni sacre, fosse un elemento di novità non solo stilistica, ma che sconvolgeva radicalmente il modo di pensare il ruolo della musica all’interno di una società in trasformazione.

Similmente, a partire dalla fine dell’Ottocento, grazie alla sempre crescente facilità di comunicazione e scambio tra i popoli, la contaminazione tra generi musicali assume un’importanza sempre crescente. Tra gli eventi salienti di questa trasformazione della pratica musicale si possono segnalare l’esposizione universale di Parigi del 1889, l’arrivo dei primi esecutori di jazz in Europa (1910-20), la nascita e la diffusione su scala mondiale del rock e del pop dagli anni Cinquanta ad oggi. Impaginare programmi che tengano

conto di tali istanze nel rapporto tra musicisti di diversi generi è stata una sfida ideale per il Fiarì Ensemble, da sempre attento a delineare percorsi stimolanti per il proprio pubblico.

Ognuno dei cinque spettacoli proposti permetterà di confrontarsi con le diverse influenze di un genere verso la creazione musicale colta. Inaugureremo nel segno del Rock con un omaggio all’epocale album Tarkusdegli Emerson, Lake & Palmer ad opera di Maurizio Pisati; accanto a questa novità, la prima europea di Sotto/sopra del pluripremiato compositore americano Richard Karpen e l’ormai celebre Workers Union di Louis

Andriessen, unito alle improvvisazioni video di Domenico Sciajno.

Compositori jazzisti e colti dialogheranno nel concerto successivo, Jazz, con le musiche di Duke Ellington, Mauricio Kagel, Leonard Bernstein, Chick Corea e John Zorn.

Di particolare rilievo la serata Etno dedicata alle contaminazioni dal Mediterraneo all’Africa nera, ospite il trio Grasso-Belfiore-Ben Omar, dove le sonorità classiche di voce e pianoforte saranno accostate alle percussioni tradizionali africane, con alcune inedite composizioni di autori contemporanei del bacino del Mediterraneo.

Nel programma Pop una performance di brani popolari e pop, da De Falla ai Beatles, passando per i Folk Songs di Berio, ci aiuterà a riflettere sul rapporto tra tradizione e modernità nella musica popolare.

A conclusione della rassegna abbiamo voluto significativamente porre un concerto dedicato alla spiritualità, Sacro, dove due recenti capolavori quali lo Stabat Mater di Arvo Pärt e Proverb di Steve Reich sono accostati ai Contrappunti dell’Arte della Fuga di J. S. Bach nelle rielaborazioni di Ruggero Laganà e Alessandro Solbiati, attraverso un percorso di letture dedicate al rapporto tra cristianesimo ed ebraismo in Italia, un tema riferito alla celebrazione dei 150 anni dell’Unità nazionale, tratte dagli scritti di due

insigni pensatori quali Elio Toaff e Alfonso Di Nola.

Evidenziamo come la coerenza nella scelta delle musiche tenda a permettere una fruizione il più possibile completa dell’evento spettacolare, grazie anche alla presenza di forti elementi di multimedialità. In questo senso sono da considerarsi fondamentali le collaborazioni con artisti nel campo del teatro, della videoarte e della musica elettronica.

La rassegna In Scena! 2011 si svolgerà integralmente presso gli spazi del Teatro Vittoria, che si sta affermando come un luogo ideale per versatilità, qualità acustica e sintonia artistica, particolarmente adatto per spettacoli rivolti ad un pubblico giovane, non solo anagraficamente.

Potrebbero interessarti anche...